Uscite di settembre

UN AFFARE DI FAMIGLIA

Regia di Kore’eda Hirokazu. Interpreti: Lily Franky, Sakura Andô, Mayu Matsuoka, Kirin Kiki, Jyo Kairi, Miyu Sasaki. Titolo originale: Shoplifters. Genere Drammatico – Giappone, 2018, durata 121 minuti.

In un umile appartamento vive una piccola comunità di persone, che sembra unita da legami di parentela. Così non è, nonostante la presenza di una “nonna” e di una coppia, formata dall’operaio edile Osamu e da Nobuyo, dipendente di una lavanderia. Quando Osamu trova per strada una bambina che sembra abbandonata dai genitori, decide di accoglierla in casa.

 

GLI INCREDIBILI 2

Regia di Brad Bird.  Interpreti: Amanda Lear, Ambra Angiolini, Bebe Vio, Isabella Rossellini, Orso Maria Guerrini. Titolo originale: The Incredibles 2. Genere Animazione – USA, 2018, durata 118 minuti.

Mr Incredibile, Elastigirl e Siberius ci hanno provato a farsi riamare dalla gente, a dimostrare la propria utilità alle istituzioni, ma non c’è stato niente da fare: fuorilegge erano e fuorilegge rimangono. Non la pensa così, però, il magnate Winston Deavor, da sempre grandissimo fan dei Super, che intende perorare la loro causa e ha scelto Elastigirl come frontwoman per l’impresa. Convinto che il problema sia di percezione, grazie alle invenzioni della sorella Evelyn vuole dotare Helen di una telecamera per mostrare alla gente il suo punto di vista.

SEMBRA MIO FIGLIO

Regia di Costanza Quatriglio. Interpreti Basir Ahnang, Dawood Yousefi, Tihana Lazovic. Genere Drammatico – Italia, Belgio, Croazia, Iran, 2018, durata 103 minuti.

Ismail e Hassan sono due fratelli, migrati dall’Afghanistan all’Italia in tenera età. Quando Ismail ritiene di aver finalmente ritrovato un contatto con la propria madre insiste per vederla, nonostante lei neghi tutto. Di fronte alle difficoltà, decide di recarsi in Pakistan di persona per parlarle.

SALVADOR DALÌ – LA RICERCA DELL’IMMORTALITÀ

Regia di David Pujol. Paese Spagna, 2018, durata 105 minuti.

Dopo i film su Caravaggio, Cézanne, Van Gogh o Schiele, è la volta di un altro “grande” che ha cambiato la prospettiva del vedere le cose: Salvador Dalí (Figueres, 1904-1989). I baffi alla Dalì, la vita da bohémien – irregolare e mai banale -, l’amore per Gala, la casa sul mare a Cadaqués, e poi le formiche, il surrealismo, l’attività e le creazioni con Buñuel e gli altri scapigliati surrealisti tra arte, cinema e letteratura, il rapporto conflittuale con la famiglia benestante e il mondo borghese, la voglia di immortalità, gli amici artisti, la Spagna, Parigi, la fama negli Stati Uniti….

IL MAESTRO DI VIOLINO

Regia di Sérgio Machado.
Interpreti: Lázaro Ramos, Kaique de Jesus, Elzio Vieira, Sandra Corveloni, Fernanda de FreitasDurata . Genere Drammatico, ratings: Kids+13, produzione: Brasile, 2015 Durata:102 minuti circa
Il violinista Laerte si sta preparando da molti anni per entrare nella prestigiosa orchestra di OSESP, l’orchestra sinfonica più importante dell’America latina. All’audizione la tensione e il nervosismo lo bloccano, impedendogli di suonare. Rimasto senza soldi e senza alternative, Laerte si troverà costretto ad insegnare musica in una scuola pubblica di Heliopolis, la più grande e violenta favela di San Paolo. Il ragazzo si trova immerso in una brutale realtà ma con i suoi metodi di insegnamento anticonvenzionali riuscirà a conquistarsi la fiducia degli studenti e a costruire una relazione con la comunità, riacquistando il piacere di suonare.

A VOCE ALTA – LA FORZA DELLA PAROLA

Regia di Stéphane de Freitas, Ladj Ly.
Interpreti: Souleila Mahiddin, Eddy Moniot, Bertrand Périer.
Genere Documentario, produzione: Francia, 2017. Durata 109 minuti circa.
Ogni anno, all’Università di Saint-Denis, a nord di Parigi, si svolge una gara di oratoria che premia il migliore partecipante del distretto. Gli studenti vengono da diversi contesti sociali e si formano con dei professionisti per imparare l’arte di parlare in pubblico. Il regista Stéphane de Freitas ha dato vita al progetto Eloquentia nel 2012, con lo scopo di aiutare i giovani dei sobborghi a credere in se stessi e a fare in modo di non trovarsi mai a disagio a causa del loro modo di parlare e delle etichette che porta inevitabilmente con sé.

MICHELANGELO – INFINITO

Regia di Emanuele Imbucci. Interpreti Enrico Lo Verso, Ivano Marescotti.
Genere Docu-fiction, produzione: Italia, 2018.
Michelangelo Buonarroti, prossimo alla fine della propria vita, ne ripercorre le tappe, dall’infanzia ai primi capolavori, dalle rivalità con i grandi artisti del suo tempo ai rapporti conflittuali con le autorità politiche e religiose dell’epoca. A contestualizzare storicamente il suo racconto è Giorgio Vasari, autore di “Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architetti”, che narra di Michelangelo le imprese titaniche e le opere gigantesche, la volontà di separare la luce dalle tenebre e di rendere tridimensionale la pittura, la visionarietà architettonica e il gusto per il non finito.

LA LIBERTÀ NON DEVE MORIRE IN MARE

Regia di Alfredo Lo Piero.
Genere Docu-fiction,  produzione: Italia, 2018. Durata 77 minuti circa.
Il film vuole far luce sull’orrore che spinge i migranti a rischiare la loro vita in mare per approdare sulle coste Europee e far capire la grandezza d’animo che, chi vive a Lampedusa, dimostra ogni giorno venendo in aiuto di queste persone.

Uscite di Ottobre

TI PORTO IO

Regia di Chris Karcher, Terry Parish.
Interpreti: Patrick Gray, Justin Skeesuck, Ted Hardy, Michael Turner
Genere Documentario, produzione: Spagna, USA, 2017. Durata 100 minuti circa.
Tutto ha inizio quando Patrick accetta una proposta pazzesca: portare il suo migliore amico Justin, costretto a vivere su una sedia a rotelle, per tutti i famosi 800 chilometri del Cammino di Santiago. Il risultato? Un film documentario, unico nel suo genere, che illustra la loro impresa, il loro pellegrinaggio. Ti porto io non è soltanto la storia di un uomo “normalmente” abile che ne spinge un altro “diversamente” abile su una sedia a rotelle per 800 chilometri. È anche la storia di due amici che hanno trascorso tutto il tempo del loro viaggio a “spingersi” a vicenda a essere persone migliori. Attraverso il loro coraggio e la loro dignità, Justin e Patrick ci ricordano che siamo più forti insieme che da soli. In fin dei conti, tutti abbiamo bisogno di una spinta.

SMALLFOOT – IL MIO AMICO DELLE NEVI

Regia di Karey Kirkpatrick, Jason Reisig.
Interpreti: Zendaya, Channing Tatum, Gina Rodriguez, LeBron James, Ryder James. Genere Animazione, produzione: USA, 2018. Durata 96 minuti circa.

Smallfoot fa tremare i cuccioli nelle serate in cui la famiglia si raduna intorno al fuoco. Anche se non ne ha mai incontrato uno, il brillante Migo è deciso a dimostrare l’esistenza del fantomatico uomo: un terrificante essere umano dai denti perfettamente bianchi, l’alito profumato di menta, senza zanne né pelliccia, e con dei piedi mostruosamente piccoli. L’eroica impresa gli assicura una certa fama all’interno della tribù, persino una chance con la ragazza dei suoi sogni. Ma la missione non va come previsto.

ZANNA BIANCA

Regia di Alexandre Espigares.
Interpreti: Virginie Efira, Raphaël Personnaz, Nick Offerman, Rashida Jones, Paul Giamatti.  Genere Animazione, produzione: Francia, Lussemburgo, USA, 2018. Durata 80 minuti circa.

Zanna Bianca è un lupo con un quarto di sangue di cane. È una creatura fiera e coraggiosa, e per questo sarà vittima della crudeltà dell’uomo. Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani.Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico.

MIRAI

Regia di Mamoru Hosoda.
Genere Animazione, produzione: Giappone, 2018.

Kun ha quattro anni e un’infanzia felice. Almeno fino a quando non arriva Mirai, la sua sorellina. Geloso fino alle lacrime, Kun cerca tra capricci e ricatti di attirare l’attenzione dei genitori, monopolizzata dai bisogni primari di Mirai. Il suo unico rifugio al disappunto è il giardino di casa dove accadono ogni giorno prodigi straordinari. Ai piedi di un grande albero genealogico e magico, Kun fa la conoscenza degli affetti più cari, colti in età diverse della loro vita: la madre bambina, la sorellina adolescente, il nonno ragazzo, il padre fanciullo.

FUORICAMPO

Regia di Melkana.
Genere Documentario,, produzione: Italia, 2017. Durata 71 minuti circa.

Un campo di calcio nella periferia romana. Giovani in fuga dai loro paesi si allenano per guadagnarsi un’opportunità, prima di disperdersi in traiettorie solitarie. Fuori campo è il racconto di quattro storie in bilico tra ferite passate, tempo sospeso e futuro incerto.

KLIMT & SCHIELE – EROS E PSICHE

Regia di Michele Mally.
produzione: Italia, 2018.

1918. Mentre i boati della prima guerra mondiale si vanno spegnendo, a Vienna, nel cuore della Mitteleuropa, un’epoca dorata è ormai al tramonto. L’impero austro-ungarico comincia a disgregarsi. È il 31 ottobre. Quella notte, nel letto della sua casa, muore Egon Schiele, una delle 20 milioni di vittime causate dall’influenza spagnola. Se ne va guardando in faccia il male invisibile, come solo lui sa fare: dipingendolo. Ha 28 anni. Solo pochi mesi prima, il salone principale del palazzo della Secessione si era aperto alle sue opere: 19 oli e 29 disegni. La sua unica mostra di successo, celebrazione di una pittura che rappresenta le inquietudini e i desideri dell’uomo. Qualche mese prima era morto il suo maestro e amico Gustav Klimt, che dall’inizio del secolo aveva rivoluzionato il sentimento dell’arte, fondando un nuovo gruppo: la Secessione viennese.

BAFFO & BISCOTTO – MISSIONE SPAZIALE

Regia di Victor Azeev.
Genere Animazione, produzione: Russia, 2018.

Biscotto è un castoro molto preciso e abitudinario. Fa esercizi ogni mattina, lavora nel suo giardino e prepara pane e miele per gli abitanti del bosco. La sua vita, però, cambia totalmente quando Baffo, un dinamico gatto, si trasferisce a vivere con lui. Baffo non si riposa mai ed è sempre alla ricerca di nuove avventure. Sarà accontentato! Un giorno, infatti, una piccola nave spaziale atterra vicino a casa loro. Ne fuoriescono tre piccoli esseri, Zaca, Zic e Zuc, in fuga da un gruppo di pericolosi alieni, gli Sgraffignani, che intendono catturare ogni specie animale e portarla nel loro zoo spaziale. Ora Baffo e Biscotto sono in missione: dovranno salvare i piccoli alieni e tutti gli amici del bosco dalle gringfie degli Sgraffingnani!

Uscite di Novembre

BERNINI

Regia di Francesco Invernizzi.
Genere Documentario, produzione: Italia, 2018. Durata 83 minuti circa.

La selezione di oltre 60 capolavori in esposizione alla Villa Borghese di Roma è stata definita dagli esperti di arte come il ritorno a casa di Bernini. A cinque secoli dalla nascita dei maestosi gruppi scultorei dell’artista, attraverso riprese inedite ed esclusive, i protagonisti di questa grande Mostra raccontano ed analizzano i dettagli delle opere giunte dai più prestigiosi musei del mondo per questa straordinaria occasione.

 

ALMOST NOTHING – CERN: LA SCOPERTA DEL FUTURO

Regia di Anna de Manincor, Zimmer Frei.
Genere Documentario,  produzione: Belgio, Francia, Italia, 2018. Durata 74 minuti

Nel palazzo della conoscenza non ci sono molte risposte. Tante sono invece le domande e le ammissioni di ignoranza. Se non fosse così, se non ci fosse un così vasto bisogno di ricercare, scoprire e capire ciò che ancora non conosciamo, non avrebbe senso alcuno l’esistenza del CERN, l’organizzazione europea per la ricerca nucleare, il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle.

Uscite di Dicembre

IL RITORNO DI MARY POPPINS

Regia di Rob Marshall. Interpreti: Emily Blunt, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Julie Walters. Genere: Commedia musicale. Produzione: U.S.A. Durata: 130 minuti

Nella Londra degli anni Trenta, Michael e Jane sono oramai cresciuti. Michael, i suoi tre figli e la loro governante Ellen, vivono a Cherry Tree Lane quando, dopo una dolorosa perdita personale, nella vita della famiglia Banks torna prepotentemente l’enigmatica tata Mary Poppins. Con l’aiuto dell’ottimista lampionaio Jack, Mary Poppins userà le sue abilità magiche per aiutare la famiglia a riscoprire la gioia e la felicità contando sulle sue stravaganti conoscenze.

ALPHA – UN’AMICIZIA FORTE COME LA VITA

Regia di Albert Hughes. Interpreti Kodi Smit-McPhee, Jóhannes Haukur Jóhannesson, Leonor Varela, Natassia Malthe, Priya Rajaratnam. Genere: Azione. Produzione: U.S.A. Durata: 96 minuti

Una storia di sopravvivenza ambientata 20.000 anni fa durante l’ultima era glaciale. Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un insospettabile amico, un lupo, gli farà compagnia in questa avventura che diventa un percorso di crescita comune.

CONVERSAZIONI ATOMICHE

Regia di Felice Farina. Genere: Documentario. Produzione: Italia. Durata: 84 minuti

Dall’acceleratore di particelle di Frascati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare al Laboratorio nazionale del Gran Sasso, dall’Interferometro Virgo dell’Osservatorio Astronomico di Campo Imperatore, Felice Farina si addentra nei laboratori di ricerca per “raccontare la quotidianità di chi ha scelto di dedicare la propria vita a fare domande”. In un road movie che intreccia commedia, situazioni da buddy movie, dialoghi appassionati, divagazione storica e sconfinamenti che aprono al mistero del non ancora conosciuto.

LA STREGA ROSSELLA E BASTONCINO

Regia di Jan Lachauer, Max Lang, Jeroen Jaspaert. Genere: Animazione. Produzione: Gran Bretagna (2012). Durata: 52 minuti

La strega Rossella è sempre allegra e disposta ad essere riconoscente con chi è gentile con lei. Infatti perderà degli oggetti per lei importanti e, per ringraziare gli animali che glieli hanno ritrovati li fa salire sulla sua scopa volante. Loro a sua volta l’aiuteranno quando si troverà in una grossa difficoltà. Bastoncino vive felice con la sua sposa e tre figli quando viene trovato da un cane e successivamente da una bambina che lo getta in acqua per farlo gareggiare con altri pezzi di legno. Ha così inizio un’odissea che lo porterà lontanissimo dal suo albero-casa a cui desidera fare ritorno.

L’UOMO CHE RUBÒ BANKSY

Regia di Marco Proserpio. Interpreti: Iggy Pop, Carlo McCormick, Walid Zawahrah, Mikael Cawanati, Stephen Keszler. Genere: Documentario. Produzione: Italia. Durata: 90 minuti

Nel 2007 lo street artist universalmente noto come Banksy mette la sua firma anche sui muri di edifici privati e pubblici in Palestina. Un gesto clamoroso che porta l’attenzione del mondo sul conflitto israelo-palestinese, “risolto” con l’edificazione, completata nel 2003, del costosissimo muro o “barriera di separazione” tra i territori. In particolare, un suo murale, Donkey’s Documents, ritrae un soldato israeliano che controlla i documenti a un asino. L’opera non raccoglie l’entusiasmo di tutti i locali: mentre un negoziante si sostiene vendendo con soddisfazione i souvenir ispirati alle sue opere, meta di pellegrinaggio da tutto il mondo, e l’ex sindaco di Betlemme, Vera Baboun, lo esalta come un eroe contemporaneo, altri si sentono oltraggiati perché si sentono assimilati alle caratteristiche deteriori di quell’animale.

Uscite di gennaio

MIA E IL LEONE BIANCO

Regia di Gilles de Maistre. Interpreti: Daniah De Villiers, Mélanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton. Genere: Drammatico. Produzione: Francia. Durata: 98 minuti

Costretta a trasferirsi dall’Inghilterra al Sudafrica per seguire il lavoro del padre John, zoologo, Mia è una bambina insofferente e ribelle. Qualcosa però cambia quando, durante il primo Natale trascorso lontana da Londra, nell’allevamento di John nasce Charlie, un raro esemplare di leone bianco. Tra Mia e Charlie nasce subito un’amicizia fortissima che causa non poche preoccupazioni ai genitori della ragazza, convinti che il leone, una volta adulto, non saprà controllare i propri istinti predatori. Le cose si complicano ulteriormente quando Mia, insieme a suo fratello Mick, scopre un segreto sull’allevamento che i due bambini non avrebbero mai potuto immaginare.

VAN GOGH – SULLA SOGLIA DELL’ETERNITÁ

Regia di Julian Schnabel. Interpreti Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner. Genere: Biografico. Produzione: U.S.A. Durata: 110 minuti

È di sole che ha bisogno la salute e l’arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi. Confortato dall’affetto e sostenuto dai fondi del fratello Theo, Vincent si trasferisce ad Arles, nel sud della Francia e a contatto con la forza misteriosa della natura. Ma la permanenza è turbata dalle nevrosi incalzanti e dall’ostilità dei locali, che biasimano la sua arte e la sua passione febbrile. Bandito dalla ‘casa gialla’ e ricoverato in un ospedale psichiatrico, lo confortano le lettere di Gauguin e le visite del fratello. A colpi di pennellate corte e nervose, arriverà bruscamente alla fine dei suoi giorni.

RALPH SPACCA INTERNET

Regia di Rich Moore, Phil Johnston. Genere: Animazione. Produzione: U.S.A. Durata: 112 minuti

Nella sala di giochi di Litwak le cose vanno molto meglio da quando Ralph ha la sua amica Vanellope e Vanellope ha il suo eroe Ralph. A volte, se mai, alla ragazzina va un po’ stretto il suo gioco: sempre le stesse piste, poco spazio per l’imprevisto. Ma ecco che una grande avventura bussa allora alle loro porte, quando un guasto al volante di Sugar Rush, e l’impossibilità di reperire il pezzo di ricambio, minaccia di mandare in pensione il gioco di Vanellope, lasciando senza casa e senza lavoro lei e tutti gli altri corridori. Non resta che tentare di acquistare il volante su Ebay, avventurandosi in quell’ignoto universo chiamato Internet.

VOGLIO MANGIARE IL TUO PANKREAS

Regia di Shin’ichirô Ushijima. Titolo originale: Kimi no suizô wo tabetai. Genere: Animazione. Produzione: Giappone. Durata: 115 minuti

La giovane Sakura è gravemente malata e non le restano molti giorni da vivere, ma nessuno lo sa. Finché il timido e introverso Haruki non lo scopre, in maniera del tutto casuale. Tra i due nasce un complicato rapporto di amicizia, che insegnerà molto a entrambi sulla vita e sull’affetto reciproco.

DRAGON TRAINER – IL MONDO NASCOSTO

Regia di Dean DeBlois. Genere: Animazione. Produzione: U.S.A. Durata: 104 minuti

Sono passati già parecchi anni da quando il quindicenne Hiccup ha conosciuto il temibile drago Furia Buia, diventato poi Sdentato, il suo migliore amico. I vichinghi hanno ormai accettato la sua presenza nel villaggio ed adesso è arrivato per loro il momento di costruire insieme un mondo di pace e serenità, popolato da uomini e draghi che combattono fianco a fianco. L’impresa però non è tra le più facili. A fare incursione nel felice villaggio sarà Grimmel, il noto cacciatore di draghi che ha portato quasi all’estinzione l’intera specie ed a cui manca solo Sdentato per completare l’opera. Il drago però non sembra essere così spaventato: l’arrivo di una Furia Lucente lo distrarrà dai suoi compiti e anche dall’amicizia con Hiccup, da cui si allontanerà sempre di più.

DEGAS – PASSIONE E PERFEZIONE

Regia di David Bickerstaff. Genere: Documentario. Produzione: Gran Bretagna. Durata: 85 minuti

Il film documentario evento offre una visione unica sulla vita personale e creativa di Degas, indagando la sua relazione con il movimento impressionista, la sua fascinazione per la danza e i problemi di vista che lo attanagliarono sin dagli anni novanta del XIX secolo. Gli spettatori scopriranno così la storia della sua ossessiva ricerca della perfezione attraverso la sperimentazione di nuove tecniche e lo studio dei maestri del passato, tra cui artisti del Rinascimento italiano e pittori contemporanei come Ingres e Delacroix. Uno studio che cominciò sin dal suo personale Grand Tour in Italia e che si sviluppò anno dopo anno grazie alle continue frequentazione di gallerie e musei parigini, primo tra tutti il Louvre.

DIGITALIFE

Regia di Francesco G. Raganato. Genere: Documentario. Produzione: Italia. Durata: 70 minuti

La possibilità di girare video, scattare foto, scrivere contenuti, autopromuoversi, aprire un canale YouTube e, come delle vere celebrità, cooptare follower per coinvolgerli nelle proprie professioni ed esperienze. Gli esempi sono tanti: la mobilità condivisa, l’ufficio “liquido”, più flessibile del posto di lavoro fisicamente determinato, esorcizzare il bullismo e l’emarginazione facendosi amici online, viaggiare per tutti i continenti a costi limitati, raccogliere fondi per giuste cause, ricontattare persone di cui si erano perse le tracce, far crescere la propria industria per produzione e distribuzione, portare sviluppo e istruzione in luoghi inaccessibili, poter seguire lezioni a distanza, utilizzare la stampa 3D per migliorare i propri record sportivi… sono alcune tra le infinite le possibilità della rivoluzione digitale. E sono gli stessi beneficiari a dichiararlo, tramite riprese realizzate amatorialmente, con camere digitali e smartphone.

LIBERO

Regia di Michel Toesca. Genere: Documentario. Produzione: Francia. Durata: 100 minuti

Nella Val Roia, divisa tra la Francia e l’Italia, ogni giorno decine di migranti cercano di superare il confine in cerca di una vita migliore. Ma in questo limbo chiuso fra due Stati, le politiche sull’immigrazione rendono loro impossibile l’ingresso sul territorio francese. Ce?dric Herrou, un contadino della Valle, per questi ragazzi e? un eroe: da anni offre ospitalita? a tutti i giovani e le famiglie che, senza avere altro posto dove andare, restano bloccati sul confine. Grazie all’aiuto di amici e volontari, Ce?dric sfida con coraggio le istituzioni francesi. Osservando senza filtri questa situazione drammatica, Libero denuncia, o meglio, urla ai quattro venti l’urgenza di un intervento da parte delle istituzioni.

Uscite di febbraio

ALITA – ANGELO DELLA BATTAGLIA

Regia di Robert Rodriguez. Interpreti: Rosa Salazar, Christoph Waltz, Jennifer Connelly, Michelle Rodriguez, Jackie Earle Haley. Genere: Azione, Fantascienza, Avventura. Produzione: U.S.A e Canada. Durata: 122 minuti

Un budget da 200 milioni di dollari, un coproduttore come James Cameron, qui anche cosceneggiatore, un regista cult come Robert Rodriguez e un manga ancor più cult: Alita – Angelo della battaglia del fumettista giapponese Yukito Kishiro. Già così ce ne sarebbe abbastanza per incuriosirsi, ma il trailer e la visione delle prime scene del film, che uscirà negli Stati Uniti per Natale (e poco dopo in Europa), ci hanno ulteriormente ingolositi.

LA PARANZA DEI BAMBINI

Regia di Claudio Giovannesi. Interpreti: Francesco Di Napoli, Artem Tkachuk, Alfredo Turitto, Viviana Aprea, Valentina Vannino. Genere: Drammatico. Produzione: Italia e Francia. Durata: 110 minuti

Uscirà il 1° semestre 2019 il film tratto dal bestseller di Roberto Saviano “La paranza dei bambini”, edito Feltrinelli. Dietro la macchina da presa c’è il regista Claudio Giovannesi, esperto nel raccontare realtà drammatiche adolescienziali (da Alì ha gli occhi azzurri a Fiore) e con un buon approccio con il linguaggio del crime e con la narrativa di Saviano (vedi puntate della serie tv Gomorra da lui firmate).
Protagonista è un gruppo di ragazzi, tutti esordienti tra i dieci e i quindici anni, capeggiati dal giovane Nicolas Fiorillo, pronti a sparare, spacciare, derubare, uccidere, tutto pur di prendere il potere.

IL PROFESSORE CAMBIA SCUOLA

Regia di Olivier Ayache-Vidal. Interpreti: Denis Podalydès, Abdoulaye Diallo, Tabono Tandia, Pauline Huruguen, Alexis Moncorge. Genere: Commedia. Produzione: Francia. Durata: 106 minuti

François Foucault è professore di lettere al prestigioso liceo Henri IV di Parigi. Durante una serata, l’uomo si lamenta con una funzionaria dell’Educazione nazionale dei problemi delle scuole di periferia dove bisognerebbe inviare dei professori più competenti. Il messaggio viene recepito e François si ritrova a dover accettare, per la durata di un anno, il trasferimento in un liceo di periferia da cui si aspetta il peggio. Il professor Foucault dovrà allora confrontarsi con i limiti del sistema educativo e mettere in discussione i suoi principi e i suoi pregiudizi.

C’ERA UNA VOLTA IL PRINCIPE AZZURRO

Regia di Ross Venokur. Genere: Animazione. Produzione: U.S.A. e Canada Durata: 90 minuti

Sappiamo tutti come terminano le classiche favole. Cenerentola sposa il Principe Azzurro. Biancaneve sposa…oh, interessante… il Principe Azzurro. E la Bella Addormentata sposa… wow, inizia a diventare un po’ strano…Il Principe Azzurro! Da bambino, ad Azzurro è stato malignamente donato un super “fascino”, e così anche senza volerlo attrae tutte le donne come se fosse un magnete. Ogni ragazza che incontra si innamora follemente di lui e come potete immaginare per qualcuno nato in una famiglia reale che diventa magicamente irresistibile, il principe più famoso del mondo vive con molta leggerezza questa sua condizione.

TINTORETTO – UN RIBELLE A VENEZIA

Regia di Giuseppe Domingo Romano, Pepsy Romanoff. Genere: Documentario. Produzione: Italia. Durata: 100 minuti

Figlio di un tintore, da cui il suo nome d’arte, Tintoretto (1519-1594) è infatti l’unico grande pittore del Rinascimento a non aver mai abbandonato Venezia, nemmeno negli anni della peste. Immergendoci nella Venezia del Rinascimento e attraversando alcuni dei luoghi che più conservano la memoria dell’artista, dall’Archivio di Stato a Palazzo Ducale, da Piazza San Marco alla Chiesa di San Rocco, verremo così guidati attraverso le vicende di Jacopo Robusti, in arte Tintoretto, dai primi anni della sua formazione artistica fino alla morte, senza trascurare l’affascinante fase della formazione della sua bottega, luogo in cui lavorano anche alcuni dei suoi figli, Domenico, che erediterà l’impresa del padre, e l’amatissima Marietta, talentuosa pittrice.

LEONARDO – CINQUECENTO

Artista, architetto, naturalista, stratega militare, ingegnere, il più grande scienziato di tutti i tempi fu prima di tutto un osservatore alla costante ricerca di nuove scoperte. Combinando l’intelligenza artificiale con i risultati di decenni di studi e ricerche, il film ricompone, in esclusiva e per la prima volta al mondo, le migliaia di pagine dei Codici lasciatici da Leonardo Da Vinci in una prospettiva del tutto nuova che mostra le implicazioni contemporanee del suo immenso lavoro. Con il contributo di esperti internazionali e di un pool di ingegneri e tecnici, il racconto proietta una luce inedita sulle osservazioni e gli studi del Genio che da secoli affascina intere generazioni.

EX-OTAGO – SIAMO COME GENOVA

Regia di Paolo Santamaria.

Siamo come Genova è il film diretto da Paolo Santamaria che racconta la storia degli Ex-Otago attraverso immagini live, retroscena e testimonianze di vita quotidiana che accompagnano il pubblico nel viaggio da Marassi fino a Corochinato.

Uscite di marzo

BORDER – CREATURE DI CONFINE

Regia di Ali Abbasi. Interpreti: Eva Melander, Eero Milonoff, Viktor Åkerblom, Andreas Kundler, Joakim Olsson. Genere: Fantastico. Produzione: Svezia e Danimarca. Durata: 101 minuti

Tina ha un fisico massiccio e un naso eccezionale per fiutare le emozioni degli altri. Impiegata alla dogana è infallibile con sostanze e sentimenti illeciti. Viaggiatore dopo viaggiatore, avverte la loro paura, la vergogna, la colpa. Tina sente tutto e non si sbaglia mai. Almeno fino al giorno in cui Vore non attraversa la frontiera e sposta i confini della sua conoscenza più in là. Vore sfugge al suo fiuto ed esercita su di lei un potere di attrazione che non riesce a comprendere. Sullo sfondo di un’inchiesta criminale, Tina lascia i freni e si abbandona a una relazione selvaggia che le rivela presto la sua vera natura. Uno choc esistenziale il suo che la costringerà a scegliere tra integrazione o esclusione.

DUMBO

Regia di Tim Burton. Interpreti: Eva Green, Colin Farrell, Danny DeVito, Michael Keaton, Alan Arkin, Suan-Li Ong. Genere: Fantastico. Produzione: U.S.A. Durata: 90 minuti

Dopo il successo de La bella e la bestia e Il libro della giungla, Walt Disney continua a rinfrescare i suoi classici. È previsto per il 2019 l’arrivo del remake di Dumbo, diretto da Tim Burton con Colin Farrell, Danny DeVito, Michael Keaton e Eva Green. Oltre alla storia del famoso elefante dalle orecchie grandi, si attendono anche Mulan e Aladdin nel progetto di remake in live-action dei più importanti film di Walt Disney.

ASTERIX E IL SEGRETO DELLA POZIONE MAGICA

Regia di Alexandre Astier, Louis Clichy. Genere: Fantastico, Animazione. Produzione: Francia. Durata: 90 minuti

Panoramix, il druido del villaggio, sta invecchiando. E’ tempo di trovare un giovane erede a cui tramandare il segreto della pozione magica che dona i super poteri ad Asterix e Obelix. Come vuole la tradizione, l’erede druido sarà maschio… O forse no.

ALEXANDER MCQUEEN – IL GENIO DELLA MODA

Regia di Ian Bonhôte, Peter Ettedgui. Genere: Documentario. Produzione: Gran Bretagna. Durata: 111 minuti

L’universo di Alexander McQueen è complesso. Ogni sua collezione è (stata) un evento, ogni sua sfilata è (stata) uno spettacolo di referenze, letterarie e cinematografiche, come il suo omaggio ad Alfred Hitchcock nel 2005 (collezione autunno-inverno “Vertigo”). Creatore fuori norma, a cominciare dal suo destino, figlio di un tassista londinese divenuto stella dell’alta moda da Givenchy e poi sovrano della propria maison, McQueen ha ridefinito la moda e i suoi codici attraverso le problematiche contemporanee. Ian Bonhôte e Peter Ettedgui ritornano sulla carriera folgorante dell’artista, dai suoi debutti alla Saint Martin’s School di Londra fino alla leggendaria sfilata Plato’s Atlantis, che riguarda addirittura la science-fiction, offrendo una griglia di lettura a un sistema di pensiero esuberante e a un’immaginazione smisurata, tanto lucida quanto opaca.

LA STANZA DELLE MERAVIGLIE – WOW

Regia di Francesco Invernizzi.  Genere: Documentario. Produzione: Italia, Gran Bretagna e Francia. Durata: 89 minuti

Le Wunderkammer, chiamate anche stanze delle meraviglie o stanze delle curiosità in francese, nascono nel sedicesimo secolo tra i sovrani ed eclettici collezionisti. Luoghi straordinari in tutto il mondo, dal Rinascimento, dal XVIII secolo, dall’epoca dell’Illuminismo, alcune collezioni diedero origine al concetto contemporaneo di museo portando a noi le prestigiose gallerie provenienti da grandiose ville e castelli. Stranezze eccentriche e di inestimabile valore esistono tuttora nelle collezioni private.

CANOVA

Spesso considerato il più grande degli artisti neoclassici, il suo straordinario lavoro ha stupito, ispirato e commosso per secoli. Il nostro film ritrae la sua crescita artistica, dalle sue prime esperienze a Venezia, vicino alla sua città natale, alle sue opere a Roma, Parigi e infine di nuovo a Venezia. Grazie al Museo Canova di Possagno, viaggeremo attraverso le pietre miliari che hanno creato la sua leggenda ed esplorato i paesaggi che un tempo ispirarono le sue famose sculture in marmo. Ora possiamo trovare i suoi capolavori a Parigi, Londra, Vienna, New York, Washington, San Pietroburgo, così come nel suo Museo a Possagno, dove sono ancora conservati alcuni dei suoi schizzi più privati per mostrare il genio precoce di Canova , un umile apprendista veneziano che era destinato alla grandezza e divenne un’icona proprio come Michelangelo e Bernini.

 

Uscite di aprile

CAFARNAO

Regia: Nadine Labaki. Interpreti: Nadine Labaki, Zain Alrafeea, Yordanos Shifera, Treasure Bankole, Fadi Youssef. Genere: Drammatico. Produzione: Libano. Durata: 120 minuti

Zaid è un ragazzino dodicenne appartenente a una famiglia molto numerosa. Facciamo la sua conoscenza in un tribunale di Beirut dove viene condotto in stato di detenzione per un grave reato commesso. Ma ora è lui ad aver chiamato in giudizio i genitori. L’accusa? Averlo messo al mondo.  il termine cafarnao definisce un luogo pieno di confusione e disordine e tale era la lavagna su cui la regista scriveva i temi che intendeva trattare nel suo film da fare. L’infanzia maltrattata, i migranti, il ruolo genitoriale, i confini tra gli stati, la necessità di avere dei documenti sei si vuole essere considerati come esseri umani a cui si possa dedicare attenzione, la Dichiarazione dei Diritti dei bambini.

ANCORA UN GIORNO

Regia: Raúl de la Fuente, Damian Nenow. Genere: Animazione, Biografico. Produzione: Polonia,Spagna, Germania, Belgio, Ungheria. Durata: 85 minuti

Nel 1975, in piena Guerra Fredda, i portoghesi lasciano le colonie africane. L’Angola, però, non è un territorio facile, il petrolio fa gola, e il paese è spaccato in due. Tra i sostenitori dell’MPLA, il movimento di liberazione marxista-leninista, e quelli dell’UNITA, sostenuti dagli Stati Uniti, scoppia la guerra civile e il conflitto monta rapidamente su scala internazionale. Ryszard Kapuściński, giornalista della Polonia socialista, è lì, nel mezzo dell’assedio di Luanda, dove infuriano il caso e la paranoia, la “confusão”, e dove ama essere, perché quella è la sua missione. Convincerà i suoi superiori a lasciargli tentare di raggiungere il fronte meridionale, dove il generale Farrusco, con un manipolo di pochi uomini, sta portando avanti una resistenza che ha dell’incredibile.

YAO

Regia: Philippe Godeau. Interpreti: Omar Sy, Germaine Acogny, Fatoumata Diawara, Gwendolyn Gourvenec. Genere: Commedia. Produzione: Francia. Durata: 85 minuti

Racine è un bambino che vive in un piccolo villaggio del Senegal. Ama i libri e le avventure. Un giorno parte per Dakar alla ricerca del suo mito, Seydou, attore francese di grande successo in visita in Senegal. Seydou conosce Racine e colpito dal carattere del bambino, decide di riaccompagnarlo a casa. Il viaggio, pieno di rocambolesche avventure e situazioni divertenti, sarà per l’attore un ritorno alle sue radici.

IO, LEONARDO

Regia: Jesus Garces Lambert

Il film porterà lo spettatore alla scoperta dell’uomo, il pittore, lo scienziato e l’inventore, attraverso un viaggio unico, coinvolgente e affascinante nella mente di Leonardo da Vinci, una delle figure più geniali che la storia dell’umanità abbia mai conosciuto, noto a chiunque per aver dipinto “il quadro più famoso al mondo”, la Gioconda. E lo farà con uno sguardo molto lontano dagli stereotipi con cui Leonardo viene solitamente descritto.

PALLADIO

Regia: Giacomo Gatti. Genere: Documentario. Produzione: Italia. Durata: 85 minuti

Alcune delle più belle ville italiane, ora parte dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, sono state le residenze esclusive della nobiltà veneziana durante il Rinascimento e in seguito sono diventate una fonte di ispirazione per la costruzione di alcuni degli edifici di potere più iconici del mondo: la Casa Bianca, il Palazzo dei Congressi, la Borsa di New York, la casa di Jefferson a Monticello. Fu il presidente e architetto americano Thomas Jefferson a riconoscere l’architettura palladiana come l’esempio per l’estetica degli edifici del potere americani. C’è un legame profondo tra i simboli dell’architettura americana e Andrea Palladio che, nel 2011, è stato ufficialmente nominato “Il padre dell’architettura americana”. Il film svela i segreti delle opere originali e, attraverso interviste esclusive con proprietari di ville del Palladio, studiosi e professori, rende una testimonianza rara che sicuramente stimolerà l’interesse degli appassionati di architettura e del pubblico in generale. Un’esplorazione che esamina come questi codici estetici siano venuti a rappresentare il Potere ovunque, in ogni Città, in ogni Paese.

GORDON & PADDY

Regia: Linda Hambäck. Genere: Animazione. Produzione: Svezia. Durata: 62 minuti

Gordon è una rana che dirige i poliziotti insieme all’assistente Paddy. Grazie al loro lavoro gli abitanti della zona possono stare tranquilli: ci sono loro a difenderli dagli attacchi della volpe.

IL MUSEO DEL PRADO – LA CORTE DELLE MERAVIGLIE

Prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo in occasione delle celebrazioni del duecentesimo anniversario del museo, il film ci accompagna in uno spettacolare viaggio a Madrid per raccontare sei secoli di storia e arte spagnola, attraverso 8.000 opere di uno dei musei più grandi d’Europa. Perché un dipinto è una tela, colore, materia e forma, ma è anche la storia di uomini e donne, pittori e re, palazzi e regine, ricchezza e miseria

BAUHAUS SPIRIT: 100 YEARS OF BAUHAUS

Regia: Niels Bolbrinker, Thomas Tielsch. Interpreti: Torsten Blume, Rosan Bosch, Alfredo Brillembourg, Hubert Klumpner, Stephen Kovats. Genere: Documentario. Produzione: Germania. Durata: 95 minuti
Un documentario che omaggia la visione utopica e radicale di Walter Gropius, che ha cercato di unire scultura, pittura, design e architettura in un’unica disciplina costruttiva nella sua famosa scuola, il Bauhaus.