STATI GENERALI DELLA CULTURA
14 luglio, evento online

Uno degli obiettivi di tutto il sistema pubblico e privato italiano per il 2021 è la ripartenza del settore della cultura, duramente colpito dalle misure di contenimento introdotte nell’UE per frenare la diffusione del coronavirus.
La fruizione della cultura nel post-pandemia porta dei cambiamenti culturali e tecnologici che impongono nuove figure professionali, nuovi investimenti e una diffusa competenza digitale.
Internazionalizzazione, transmedialità e nuove competenze sono alcuni degli elementi da non sottovalutare per un settore che deve trasformarsi per poter ripartire.

Segnaliamo il panel Promozione ed innovazione: la nuova esperienza dell’arte, ore 15.15

Ilaria Bonacossa, Direttrice Artissima Torino

Stefano Boeri, Presidente Triennale Milano

Alvise di Canossa, Presidente Art Defender

Barbara Jatta, Direttrice Musei Vaticani

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Moderano: Marco Carminati, Giornalista Il Sole 24 Ore, Marta Cagnola, Giornalista Radio 24

Per registrarsi

 


IL PERSONALE È POLITICO
15 luglio, ore 17, conversazione sul canale Instagram di Verso

Con Carlotta Cossutta, Jennifer Guerra, Arianna Mainardi
Moderato da Lucrezia Calabrò Visconti

Lo slogan “Il personale è politico” si diffonde negli anni Settanta nelle piazze e nei gruppi di autocoscienza femministi. Dichiarava la necessità di ripensare i confini tra la sfera pubblica della politica e quella privata della famiglia e della sessualità, in nome di una comprensione più ampia delle forme di oppressione della donna. “Il personale è politico” reclamava prima di tutto una prospettiva condivisa e articolata su dinamiche di potere che la politica non considerava, perché nascoste dietro alle mura domestiche. La conversazione di Verso Il personale è politico prende le mosse da questo slogan per concentrarsi sulla sua eredità nella società contemporanea, in cui i limiti tra personale e pubblico, intimo e politico sono sempre più labili. In che modo è cambiata la prospettiva dei femminismi di fronte all’intersezione tra neoliberismo e biopolitica? Quale ruolo giocano le tecnologie digitali nella nostra percezione del corpo e dello spazio pubblico? Possono essere il luogo per la costruzione di nuove identità e la formazione di nuove alleanze? In un sistema economico in cui il l’emotività, la sessualità e le relazioni sono state messe a lavoro, l’amore può diventare uno spazio di trasformazione e cambiamento?

Maggiori informazioni

 


GRUPPO DI RICERCA

È aperto fino al 18 luglio il bando per l’attivazione di un gruppo di ricerca nell’ambito del progetto Verso. Il bando è finalizzato a individuare cinque profili tra studenti universitariə, studiosə e ricercatorə indipendenti di età compresa tra i 19 e i 29 anni, residenti e/o domiciliatə in Piemonte, e prevede una borsa di ricerca di 2000€ lordi.

Simone Frangi è il tutor del primo gruppo di ricerca. I gruppi di ricerca sono coordinati da Bernardo Follini.

Maggiori informazioni

 


LABORATORI
a cura del Dipartimento educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo:
Elena Stradiotto, Francesca Togni, Annamaria Cilento, Alessia Palermo

Laboratori sulla mostra Burning Speech – estate 2021
In occasione della mostra Burning Speech, il Dipartimento Educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo propone percorsi di approfondimento e di laboratorio, pensati per rinforzare e potenziare le competenze disciplinari e relazionali dellə studentə, ma anche come momenti di apprendimento informale, in cui imparare facendo un’attività di gruppo. Vogliamo aprire i nostri spazi per offrire alle generazioni più giovani la possibilità di sperimentare l’arte con un’attitudine attiva e informale, e ritrovarsi insieme in modo nuovo e consapevole.

Posizionamenti
La mostra Burning Speech racconta attraverso le sue opere quanto sia importante prendere parola, sapere come farlo e avere anche il giusto glossario: una cassetta degli attrezzi da costruire, condividere e difendere. Il laboratorio si svolge direttamente negli spazi espositivi, pensati come luoghi in cui le opere convivono con i corpi, i pensieri con le azioni. Utilizziamo le parole in tanti modi diversi, dal semplice segno grafico alla sua storia, piccola o grande, osservando come una parola possa essere un confine o un ponte, possa tenere insieme o separare. I termini Giovane, Futuro, Partecipazione, Libertà, Inclusività, Identità e Verso sono stampati in serie su rotoli di nastro adesivo, materiale utilizzato per segnare sul pavimento il proprio spazio, per prendere posizione fisicamente e simbolicamente. Un gioco performativo che riflette sul complesso rapporto tra l’individuo e la collettività, tra la comunicazione e l’isolamento.

Tra parentesi
Un bambino, stando in piedi su un tappeto sui cui sono serigrafate delle parentesi graffe, declama da Memorie dal sottosuolo di Fëdor Dostoevskij: «Forse sto solo immaginando un pubblico per sentirmi più dignitoso mentre sto qui tra parentesi». Così l’artista Liz Magic Laser sceglie di parlare al suo pubblico, in una delle opere esposte in Burning Speech. Il cortocircuito generato dell’età dell’oratore e dal peso del testo ci confonde, portandoci a riflettere sul significato, o la perdita di significato, delle parole. Un set di laboratorio composto da identici tappeti invita lə partecipantə a prendere la parola, a leggere brevi estratti di brani, utilizzando così parole di altri per esprimere la propria opinione, o un semplice commento sul mondo. La voce ha un corrispettivo grafico: fogli serigrafati su cui intervenire liberamente trascrivendo, disegnando, o incollando il testo scelto.

Quando: dal lunedì al venerdì, il mattino e il pomeriggio
Chi: scuole, centri estivi, associazioni giovanili e gruppi spontanei di giovani dal 15 ai 19 anni
Info e prenotazioni: dip.educativo@fsrr.org, 011.3797631

verso.fsrr.org

 


Shifting Views on Italian Art
Presentazione del libro e panel sulle residenze curatoriali

Guardalo qui (in lingua inglese)

 


TORINO (MOSTRA IN CORSO)

Burning Speech
A cura di Irene Calderoni e Bernardo Follini
Fino al 10 ottobre 2021

La mostra inaugura la prima stagione di Verso, progetto della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, curato e prodotto con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili. Verso è un programma di mostre, workshop, incontri, visite e conferenze dedicato ai giovani e alle giovani dai 15 ai 29 anni.

Artistə: Ruth Beraha, Anouk Chambaz, Claire Fontaine, Antonio Della Guardia, Simon Denny, Beatrice Gibson, Sharon Hayes, Adelita Husni-Bey, Bouchra Khalili, Barbara Kruger, Liz Magic Laser, Hanne Lippard, Eva Marisaldi, Slavs and Tatars, Cerith Wyn Evans.

Orari: giovedì 20-23, da venerdì a domenica 12-19

Sabato 3 luglio, in occasione della Notte Europea dei Musei, la Fondazione rimarrà aperta fino alle 21 (ingresso libero dalle 19).

verso.fsrr.org

 


TORINO (MOSTRA IN CORSO)

The Institute of Things To Come / Melanie Bonajo and Pauline Curnier Jardin
A cura di Valerio Del Baglivo
Fino al 25 luglio

Orari: giovedì 20-23, da venerdì a domenica 12-19

Sabato 3 luglio, in occasione della Notte Europea dei Musei, la Fondazione rimarrà aperta fino alle 21 (ingresso libero dalle 19).

Maggiori informazioni

 


TORINO (MOSTRA IN CORSO)

Matteo Pericoli | Finestre sull’altrove 60 vedute per 60 rifugiati
Fino al 28 luglio
Area Bookshop

Orari: giovedì 20-23, da venerdì a domenica 12-19

Sabato 3 luglio, in occasione della Notte Europea dei Musei, la Fondazione rimarrà aperta fino alle 21 (ingresso libero dalle 19).

Maggiori informazioni

 


GUARENE (MOSTRA IN CORSO)

Prima che il gallo canti. Opere dalla Collezione Sandretto Re Rebaudengo
A cura di Tom Eccles, Liam Gillick e Mark Rappolt
Fino al 1 agosto

Artistə: Alis/Filliol, Matthew Barney, Maurizio Cattelan, Giulia Cenci, Manuele Cerutti, Chao Kao, Jake e Dinos Chapman, Olga Chernysheva, Hans-Peter Feldmann, Peter Fischli e David Weiss, Isa Genzken, Liam Gillick, Sanya Kantarovsky, Josh Klein, Zoe Leonard, Sherrie Levine, Nathaniel Mellors, Damián Ortega, Elizabeth Peyton, Susan Philipsz, Laure Prouvost, Magali Reus, Pietro Roccasalva, Yinka Shonibare, Andreas Slominski, Rosemarie Trockel,Helen van Meene ,Marianne Vitale, Li Wei, Richard Wentworth, Lynette Yiadom-Boakye, Jakub Julian Ziolkowski

Sedi della mostra:
Palazzo Re Rebaudengo, Piazza Roma 1, Guarene
Chiesa della SS.Annunziata, Piazza Santissima Annunziata, Guarene
Ex prigioni, Via Sismonda, Guarene
Chiesa di San Rocco, Piazzetta San Rocco, 4, Guarene
Edicola Cascina di Sant’Antonio, Via Garibaldi / Angolo Via Casoli, Guarene

Sabato e domenica: 12-19 (ingresso gratuito)

Maggiori Informazioni

 


GUARENE (PERMANENTE)

PARCO D’ARTE SANDRETTO RE REBAUDENGO
Collina di San Licerio
.
Artistə: Ludovica Carbotta, Manuele Cerutti, Carsten Höller, Mark Handforth, Paul Kneale, Wilhelm Mundt

Tutti i giorni dalle 8 alle 22 (ingresso gratuito)

Sito web del Parco d’arte