Aiace Torino, nel suo costante lavoro di organizzazione di stages di formazione rivolti a giovani che abbiano scelto il cinema come forma di espressione privilegiata, ospita quest’anno lo stage Premio Margherita D’Amico.

Margherita D’Amico, insegnante di professione, è stata protagonista delle battaglie sociali, civili e politiche degli anni 60 e 70, attiva nel movimento femminista torinese, nonché nella scena culturale locale e nazionale. È stata infatti per lungo tempo collaboratrice della rivista “L’Indice”, ha fatto parte del Comitato di selezione del Premio Italo Calvino e ha tradotto romanzi, soprattutto di autrici spagnole e latino americane.

Un gruppo di persone legate a Margherita D’Amico dall’amicizia e dalla condivisione di ideali e  battaglie ha istituito il Premio, finanziato dal fondo a lei intestato.

Il Premio, in questa seconda edizione, è rivolto a giovani registi e registe che, utilizzando lo strumento della narrazione audiovisiva nella sue varie forme e generi, vogliano confrontarsi sui temi a lei cari: i conflitti sociali e le lotte per i diritti civili, le tematiche ambientali e di genere, le complessità e contraddizioni del contemporaneo.

Chi sarà selezionato lavorerà per tre giorni sotto la guida di Roberta Torre, regista che si è imposta anche per la sua attenzione a quelle tematiche che hanno caratterizzato gli interessi di Margherita D’Amico. 

Lo stage è concepito per accompagnare chi parteciperà a trasformare un’idea in un progetto concretamente realizzabile.

Al termine dei tre giorni di lavoro una giuria composta da componenti di Aiace Torino e del  Premio Margherita D’Amico decreterà il progetto vincitore che riceverà un premio in denaro finalizzato alla realizzazione del cortometraggio stesso. 

Lo stage Premio Margherita D’Amico è riservato a un numero massimo di dieci partecipanti, di età non superiore ai 35 anni.

La selezione dei dieci lavori che saranno ammessi allo stage sarà effettuata da una commissione formata da componenti di Aiace Torino e del  Premio Margherita D’Amico.

Per partecipare alla selezione è necessario compilare QUI  entro giovedì 29 febbraio 2024  il form di preiscrizione , depositando contestualmente un testo della lunghezza massima di 4 pagine contenente il soggetto del film, le note di regia, le motivazioni e il curriculum vitae.

Sarà possibile allegare anche il trattamento e/o la sceneggiatura.

Gli esiti della selezione saranno comunicati entro lunedì 11 marzo 2024.

Lo stage si svolgerà dal 21 al 24 marzo 2024  presso il Piccolo Cinema, via Cavagnolo 7, Torino

Il costo di partecipazione allo stage è di € 90 per studente.

Coloro che saranno selezionati lavoreranno con Roberta Torre.

Attraverso sessioni singole e collettive si arriverà a definire le strategie che porteranno, ragionevolmente, alla possibile realizzazione dei progetti.

Al termine dello stage, a seguito della presentazione finale del progetto ad una giuria composta da tre professionisti del settore, si decreterà il progetto vincitore del premio consistente in una somma di € 3.000.

Tale somma verrà consegnata in una quota del 70% al primo giorno delle riprese. Il restante 30% verrà consegnato all'inizio della post produzione.

Roberta Torre è nata a Milano dove, dopo studi filosofici, segue i corsi di Recitazione e Drammaturgia alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi e Regia e Sceneggiatura alla Scuola di Cinema Luchino Visconti.

Dirige due musical, il primo è il film cult Tano da morire, dove ironia e musica disegnano un soggetto cupo e difficilmente risibile come la Mafia e il secondo, Sud Side Story, rivisitazione in chiave musicale di Romeo e Giulietta di Shakespeare, presentato alla 57a Mostra del Cinema di Venezia.

Da allora si dedica principalmente ai lungometraggi, premiati nei maggiori festival, tra cui ricordiamo quelli di Venezia, Cannes e il Sundance Film Festival, in concorso nella sezione World Cinema Dramatic Competition due volte con Angela e I baci mai dati.

Vincitrice di svariati David di Donatello e Nastri d’Argento con i titoli Tano da Morire (1998), Angela (2001), Mare Nero (2006), I baci mai dati (2010), Riccardo va all’Inferno (2017).

Il suo lavoro più recente è Mi fanno male i capelli (2023).

Affianca all’impegno nel cinema anche una ricca attività teatrale ed è la prima regista ad essere chiamata a mettere in scena al Teatro Greco di Siracusa uno spettacolo nell’ambito del XLVIII ciclo di rappresentazioni classiche nel 2012, la commedia di Aristofane Uccelli per cui riceve il Premio Ombra di Dioniso. (fonte https://robertatorre.com/)

Il programma delle lezioni sarà, in linea di massima, così articolato:

1°GIORNO

Introduzione allo stage a cura della docente Roberta Torre.

Presentazione dei progetti da parte delle e degli studenti.

2° e 3° GIORNO

Sotto la guida di Roberta Torre si lavorerà in modo approfondito sui singoli progetti.

Il lavoro di analisi permetterà di capire le potenzialità di ogni lavoro e porterà all’individuazione degli eventuali punti deboli, e all’avvio del lavoro di miglioramento degli stessi.

4°GIORNO

Presentazione dei lavori alla giuria e assegnazione del premio.